ANPAD - Associazione Nazionale Produttori Autori Deejay

Newsletter n.05 - Copie lavoro per dj (martedì 27 maggio 2008)

A.N.P.A.D.
Associazione Nazionale Produttori Autori Deejay
Newsletter n.05


Gentile Deejay,
con la presente, per informarTi come l’attività della nostra Associazione è sempre in continuo fermento e pronta a promuovere sempre nuove iniziative.
Grazie anche al numero di Associati che rappresentiamo (tantissimi e,anche grazie a te, in continuo aumento), come già ribadito in una newsletter precedente, siamo riusciti a far sentire la nostra voce presso la SIAE per riordinare l’annosa questione del c.d. “bollino SIAE”, anche alla luce dei nuovi accadimenti a livello Comunitario accaduti.
Come noto, infatti, i Deejay, al fine del successivo utilizzo durante le serate in discoteca e/o comunque nei locali da ballo, riproducono su supporti vergini (CD, pennette USB, memory card, o altro) o su memorie digitali di Personal Computer (hard disk), brani precedentemente acquistati legalmente su supporti in commercio (CD, vinili) o acquistati legalmente in formato di file audio (mp3, wave, cc.) su vari siti Internet (es. www.djdownloading.it, Itunes, ecc.) così da ottenere delle compilation.
E’ bene sottolineare, come anche ribadito dalla SIAE stessa, che al di là dell’apposizione o meno del bollino SIAE, tali esecuzioni in pubblico comunque necessitano, sempre della specifica autorizzazione da parte della SIAE (nonché da parte dei titolari del diritto connesso sulle registrazioni riversate) in quanto sono ritenute non “copie private” ai sensi di legge.
Per tale pratica i Deejay sono spesso soggetti a procedimenti giudiziari penali per violazione dell’articolo 171-ter della Legge 22.4.1941 n. 633, il cui esito, allo stato degli attuali orientamenti giurisprudenziali, è incerto.
Ebbene, l’ANPAD, ha sollevato la questione ottenendo una riunione, tenutasi nei giorni scorsi a Roma, cui hanno partecipato il Direttore e i rappresentanti della Commissione Musica della SIAE e le Organizzazioni maggiormente rappresentative tra cui l’ANPAD al fine di visionare un primo progetto web SIAE di procedura on line autorizzativa.
In pratica la SIAE potrà rilasciare on line, dietro il pagamento di un forfettario annuo, una c.d. “licenza personale” al Deejay che potrà utilizzare un certo numero di “copie lavoro”: potrà eseguire in pubblico un determinato numero di brani del repertorio SIAE -di cui indicherà gli elementi principali (titolo, autore, artista, ecc.)- su supporti o memorie digitali diverse dall’originale.
Si è ribadito anche in questa sede come la realizzazione di tali “copie lavoro” potrà avvenire solo ed esclusivamente mediante riversamento di brani che il Deejay richiedente attesta come lecitamente acquisiti: in sostanza solo se si è in possesso dell’originale (file audio acquistato legalmente con ricevuta, vinile o Cd originale) si potrà cambiare supporto!
L’ANPAD da parte sua ha voluto sottolineare alcuni problemi legati alla cifra da pagare annualmente per ottenere la “licenza personale” in relazione al numero di “copie lavoro” da poter utilizzare, evidenziando anche la necessità di una semplificazione di tale progetto visionato in prova: la SIAE ha recepito quanto sollevato provvedendo quanto prima a convocare una nuova riunione.
Nel ringraziarti per la fiducia in noi riposta, Ti terremo informato sugli sviluppi della vicenda e cogliamo l’occasione per come al solito invitarTi -al fine di una migliore tutela e di una rappresentanza sempre maggiore- a divulgare la nostra attività coinvolgendo anche colleghi deejay, autori e produttori al fine di renderci sempre più partecipi e incisivi nel settore che rappresentiamo.
Cordiali saluti.
Il Presidente
Leopoldo Lombardi




A.N.P.A.D.
Associazione Nazionale Produttori Autori Deejay
Sede legale: via Federico Cesi n.30, 00193 ROMA
www.myspace.com/associazioneanpad - info@anpad.it - www.anpad.it